Perché dovresti pianificare una strategia marketing per la tua azienda

Stai iniziando a pianificare una strategia marketing per la tua azienda o la tua agenzia? Temi di impiegare le tue risorse nella direzione sbagliata? Seguici e vedrai che con i nostri consigli ridurrai al minimo questo rischio. In questo articolo parleremo della fase iniziale di uno studio di marketing: il target. In questo ambito infatti, l’obiettivo principale è individuare la fascia di popolazione di riferimento, quella su cui puntare per il tuo business.

Il primo passo per identificare i tuoi clienti potenziali è pianificare una ricerca approfondita, che potrai mettere in atto tramite fonti liberamente consultabili (come Google Trends) oppure commissionarla ad agenzie specializzate in queste indagini statistiche. Per raggiungere un buon risultato, è necessario mettere in atto uno studio preciso in funzione dei prodotti o servizi che intendi fornire e delle modalità di vendita prescelte.

Nel momento in cui riuscirai a individuare con una buona approssimazione la nicchia a cui miri per la tua campagna marketing, un’opzione interessante potrebbe essere quella di commissionare un sondaggio ad una società specializzata così da intercettare con più precisione gli intenti di acquisto.

I dati più utili per una strategia marketing efficace

Quando inizierai ad approfondire il mercato che ritieni di riferimento, ti renderai conto facilmente della mole di dati che risulteranno essere preziosi e quanto ognuno di essi sarà meritevole di approfondimento. A titolo di esempio, ti segnaliamo principalmente questi:

  1. Età delle persone maggiormente interessate al prodotto/servizio;
  2. Livello di istruzione;
  3. Sesso;
  4. Fascia di reddito.

In buona sostanza, quello che sarà fondamentale è che il prodotto offerto sia proposto a coloro che davvero lo vogliono e che sono disposti ad acquistarlo. Grazie ai dati che ti abbiamo elencato sopra, potrai indirizzare meglio gli sforzi pubblicitari per profilare le campagne giuste, sfruttando l’emotività e la propensione all’acquisto della fascia di clienti interessata al prodotto.

Altri aspetti da non sottovalutare

Immaginando che all’inizio le tue risorse per la campagna di marketing siano limitate, diventa ancor più importante investire nella strategia di marketing giusta, anche per cercare prima possibile di ammortizzare i costi iniziali per l’avvio dell’attività. Analizza le tendenze del momento e non sottovalutare i segnali provenienti dalla rete e dai social network.

Ancor di più, se la tua è un’attività in ambito locale, non puoi assolutamente ignorare ciò che ti succede intorno e le peculiarità della popolazione e delle altre attività vicine, particolarmente se i beni oggetto della tua attività dovessero essere costosi o indirizzati a nicchie specifiche.

A questo proposito, potresti scandagliare la rete (così anche da fare un po’ di lavoro “in casa” e risparmiare) e cercare delle statistiche già pronte a cui attingere. Ad esempio, se il tuo business si basa sull’abbigliamento sportivo, potrebbe essere importante ottenere dati sulle tifoserie, mentre, se il tuo e-commerce propone attrezzatura escursionistica, sarebbe preferibile consultare statistiche sul Cammino di Santiago o sulla Via Francigena.

Spesso, la differenza tra un’attività che prospera e una (o più) che falliscono, è proprio l’analisi della clientela target e una strategia di marketing pianificata con cura prima ancora di aprire ufficialmente l’attività.

Strategia marketing e attività online

Per quanto riguarda le attività online, la strategia marketing non è di certo meno importante, anche perché la concorrenza è ingentissima in ogni nicchia di mercato possibile. Il segreto sarà certamente puntare su prodotti che garantiscano un profitto medio superiore agli altri, proponendoli esclusivamente a coloro che sono interessati all’acquisto.

La tattica ideale per riuscire nel proposito è probabilmente quella di mixare sponsorizzazioni mirate e campagne a tutto tondo, puntando sulle novità del momento senza trascurare i cosiddetti prodotti evergreen. Nel momento in cui lo spazio di crescita dovesse essere risicato, potrebbe essere una buona idea puntare sui mercati esteri, localizzando il sito internet anche nella lingua del mercato di riferimento.

In quest’ultimo caso, almeno nella fase iniziale, potrebbe essere proficuo affidarsi a specialisti del Paese in cui vuoi espanderti, così da superare i primi scogli e facilitare la penetrazione nel nuovo mercato.

Infine, nella strategia marketing e nell’implementazione del sito internet, non sottovalutare l’importanza della SEO e del blog collegato: è tramite questo e la scrittura di contenuti persuasivi che i tuoi clienti potranno trovarti tramite i più diffusi motori di ricerca.