Come eliminare definitivamente i tarli dal legno

postato in: Soluzioni utili | 0

Il legno è un materiale davvero super innovativo, nonché abbastanza versatile ed è per questo che molte sono le persone che cercano di integrarlo nelle proprie abitazioni. L’unico svantaggio viene presentato dall’infestazione dei tarli del legno, che sono dei piccoli animali, i quali generano dei rumori davvero forti e tendono a mangiare tutta la parte commestibile del legno. I danni che possono creare sono davvero enormi, ed è per questo che bisogna capire in tempo quali sono i segnali da non sottovalutare, e soprattutto attivarsi a tempo debito. In natura esistono tantissime tipologie, ed è per questo che è molto importante capire quali sono quelli che hanno infestato la propria abitazione e soprattutto come eliminare i tarli (vedi come fare https://www.glispecialistidelladisinfestazione.com/tarli/come-sbarazzarsi-del-tarlo-del-legno-per-sempre/).

I principali sono gli anobidi, lictidi e cerambicidi. Questi sono distinguibili soprattutto per quanto riguarda le dimensioni, infatti ci sono quelli più piccoli che non superano i 2 o i 3 mm, e quelli più grandi che possono essere anche di 15 o 20 millimetri. Ovviamente, è giusto dire che le dimensioni sono di vitale importanza anche per capire la natura dei buchi. Per riconoscere tutti questi tipi di tarli del legno è importante non solo osservare e captare la presenza di segatura nel legno nonché dei buchi, ma anche fare attenzione ed ascoltare il rumore assordante che producono questi animali nel rosicchiare legno. Naturalmente, capire e differenziare le diverse specie è abbastanza complicato, ed è per questo che bisogna evitare qualsiasi azione programmata e basata sul fai-da-te, ma cercare di porre attenzione e contattare un’équipe di esperti del settore. Soltanto così è possibile evitare quanti più danni possibili alla propria abitazione, e soprattutto agire a tempo debito. Inoltre, è importante sapere che le larve tendono ad ingerire e a rosicchiare all’interno del legno, mentre invece i tarli sono molto più propensi a rilasciare delle uova, che quando si schiudono aumentano a vista d’occhio. A quel punto, diventa davvero difficile eliminare tutti questi animali.

Azioni da attuare

Per eliminare i tarli del legno è assolutamente sconsigliato attuare delle azioni che possono non solo creare dei danni ancora più grandi ai propri mobili, ma che possono far perdere tanto tempo nonché denaro. Per la disinfestazione dei tarli e per l’uccisione completa, in primo luogo, è necessario evitare di spennellare dei prodotti liquidi e o acidi nei fori creati dai tarli, inoltre è assolutamente inutile e innecessario acquistare degli insetticidi e spruzzarli addirittura all’interno della stanza. In questo modo, infatti, non solo i tarli riescono a sopravvivere, ma è possibile anche creare un ambiente nocivo per la propria salute. È inutile, inoltre, bagnare il legno con il petrolio o con altri prodotti chimici, oppure segare il legno e arrivare nel luogo in cui sono presenti tarli.gli unici metodi davvero efficaci sono quelli utilizzati dagli esperti di questo settore. Quest’ultimi tendono ad utilizzare delle tecnologie all’avanguardia e dei trattamenti per i tarli, facendo uso di alte temperature. Il primo fra tutti il sistema microonde che uccide lentamente i tarli, attraverso quello che è il calore. Inoltre, è possibile ricorrere anche ad un’altra tipologia di sistema, ovvero quella che presuppone l’anidride carbonica. In questo modo, i tarli vengono privati dell’aria, ed è per questo che poi respirano anidride carbonica, finendo per non respirare più. Solo così è possibile eliminare tutti questi fastidiosi animali.